VOGUE – Inverno 21018 – 2019

Tendenza moda Autunno Inverno 2018 2019: abito cocktail anni 80

Un po’ di storia dell’abito cocktail

Appare per la prima volta nel periodo del proibizionismo americano, tra gli anni 20 e 30, nei jazz club o case private. Nascono così i cocktail party, dove l’abito da sera era considerato troppo impegnativo per l’occasione. Gonne sotto il ginocchio, pantaloni fluttuanti e abiti dalla vita lunga vengono adornati da paillettes, piume e cristalli.

Negli anni 40/50 la moda prevedeva mise con scollature sul décolleté per mostrare le parure di gioielli, lunghezza contenuta e lavorazioni sartoriali con il tessuto, proprio come suggeriva Christian Dior. La silhouette spesso viene scolpita con bustini complessi, mentre drappeggi e plissé impreziosiscono la struttura della gonna.

Un decennio dopo si afferma il gusto di Audrey Hepburn, stile plasmato delle mani e creatività di Givenchy. Spicca il little black dress: dopo Colazione da Tiffany, diventa sinonimo di occasione più o meno formale, e quindi perfetto per l’orario cocktail.

L’abito cocktail torna negli anni 80 con abiti mini e fascianti, caratterizzati da paillettes, raso di seta, ruches e maniche bold. Un look che si contrappone alla decade successiva, quando il minimalismo riporta in auge il black e propone lo slip-dress.

 

E oggi? Con l’influenza street style e il mix & match di stili, si ha grande libertà di scelta. Tra le sfilate dell’Autunno Inverno 2018 2019, però, abbiamo visto il ritorno dell’abito cocktail anni 80. L’ispirazione è  Madonna e Ivana Spagna, passando per Cindy Lauper e Jerry Hall.

 

fonte:https://www.vogue.it/moda/tendenze/2018/10/13/tendenza-moda-autunno-inverno-2018-2019-abito-cocktail-anni-80-saint-laurent-gucci/